lunedì 13 gennaio 2014

Fashion Rules

Un sondaggio svolto dalla Quaeris – marketing e social research – di qualche anno fa dimostrava che il 47% del campione intervistato considerava i prodotti “fatti a mano” tradizionali, legati alle vecchie tecniche di lavorazione dei materiali tramandate dal passato. 

Oggi è in corso un radicale cambiamento, quello che alcuni considerano la nuova rivoluzione industriale. L’attuale generazione di artigiani, i Makers, costituisce infatti un vero e proprio movimento culturale contemporaneo. 

Nonostante la rapida espansione e la riscoperta del “saper fare” da parte dei giovani, l’handmade, conserva ancora un’aura di scetticismo da parte dei nuovi acquirenti. 

Scopriamo cosa ne pensa Arianna Luisa Lucania, fashion blogger e giornalista di Tagli.me

Seppur pezzi unici i prodotti handmade vengono spesso scartati a favore di prodotti più commerciali. Qual è secondo te il motivo? Solo un fattore economico oppure concorrono altre cause? 
“Io credo si tratti esclusivamente di una scelta commerciale: il pezzo prodotto su ampia scala costa di meno ed è alla portata di tutti”. 

Il prezzo è una variabile di marketing fondamentale su cui però gli artigiani difficilmente possono fare leva, come ritieni possa essere bilanciato il maggior costo? 
“Acquistare un pezzo da un artigiano è sinonimo di qualità e unicità: è normale che i prezzi siano più alti, ma l’attenzione al lavoro svolto e la qualità dei materiali utilizzati sono indubbiamente superiori a quelli di un qualsiasi capo che potremmo trovare nel negozio di una grande catena”. 

Acquisto online oppure passeggiata al mercato? Gli artigiani hanno spesso difficoltà nella distribuzione dei loro prodotti. Quale pensi sia il canale migliore per raggiungere i propri clienti? 
“Ritengo che per gli artigiani la via migliore sia ancora quella del rapporto vis-a-vis. Io sono la prima a passeggiare per le vie della mia città alla ricerca di qualche capo esclusivo”. 

Ogni Maker ha un proprio stile che lo rende speciale con quali astuzie può rinnovare le sue collezioni mantenendo intatta la propria identità? 
“Cercando di seguire i trend del momento senza però dimenticare o mettere da parte il proprio stile”. 

Qual è la caratteristica fondamentale che deve avere un accessorio per diventare di tendenza? 
“Un accessorio per diventare di tendenza deve essere alla moda, giovanile e colorato. E poi bisogna sperare che un personaggio che ha seguito lo noti: non c’è via migliore per essere conosciuti”. 

L’attenzione dei media è sempre più rivolta al settore dell’handmade, nascono blog a tema e vengono stanziati fondi per la promozione del nuovo artigianato creativo ma è come se il messaggio non arrivasse al grande pubblico. Cosa si può migliorare? 
“Purtroppo l’handmade continua ad essere un settore per pochi. E’ vero, nascono blog a tema, ma il grande pubblico non viene raggiunto attraverso questi mezzi. Mi piacerebbe che le grandi testate di moda dessero più spazio a questo fenomeno, evitando di parlare sempre degli stessi nomi”. 

Qualche dritta sulle tendenze 2014 per gli addetti ai lavori: 
Quale sarà il re dei tessuti? 
“Per la stagione fredda in prima linea ci sono il mohair e il tweed, entrambi caldi e morbidi, adatti ad ogni fisico. Per l’estate si punterà su tessuti leggerissimi con fibre naturali”. 
Il colore più alla moda? 
“Il rosa cipria, un colore molto romantico”. 
Ci attendono fantasie più geometriche o romantiche? 
“In realtà entrambe. E’ ri-esplosa la moda del tartan, fantasia geometrica per eccellenza. Ma la primavera porterà anche fantasie femminili e romantiche”. 
Vestibilità: oversize o super slim? 
“Quest’anno, per fortuna, si punta sull’oversize: tutto deve essere comodo e adattabile ad ogni fisico”. 
Borse: clutch o shopping bag? 
“Per il giorno la shopping bag vince sempre su tutto! Per la sera, giù da qualche anno, le pochette sono diventate più grandi e spaziose: io, ad esempio, mi porto sempre dietro tutto il mio mondo!” 
Gioielli: confessa tutto quello che sai! 
“Per me il gioiello must è quello di Tiffany”. 

Se volete essere sempre informati sulle nuove tendenze potete seguire tutti i consigli di Arianna sul suo blog The Owl's Style.


Nessun commento:

Posta un commento

Subscribe

È un'illusione che le foto si facciano con la macchina.... si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. - Henri Cartier-Bresson -

Co-Hive

LIONS HOME

Instagram

Instagram