giovedì 24 ottobre 2013

Morgana Crea

“Cos'è quella sensazione che si prova quando ci si allontana in macchina dalle persone e le si vede recedere nella pianura fino a diventare macchioline e disperdersi? È il mondo troppo grande che ci sovrasta, è l'addio. Ma intanto, ci si proietta in avanti verso una nuova, folle avventura sotto il cielo.”
Jack Kerouac 

Lo scriveva Kerouac nel suo celebre libro “On the road”. 

È la partenza: l’entusiasmo per quel che verrà, l’adrenalina, l’impazienza, la malinconia. Non si può riassumere, bisogna partire per capire i luoghi, il clima, i profumi, i colori, la gente. Il ricordo di ogni singolo elemento che incontriamo si impregna in noi e negli oggetti che di quel viaggio ne raccontano la storia. 

Adesso immaginate di poter indossare un oggetto che ha girato per il mondo: su e giù per le colline di San Francisco, o lungo le infinite autostrade nell’Est Europa, o che abbia faticosamente risalito le strade innevate delle nostre Alpi e poi rotolato, come spinto dal vento, giù dalle colline del Chianti. 

Ilaria, in arte Morgana, lavora camere d’aria e le trasforma in gioielli. Il nome Morgana nasce quasi per caso, dal nickname con cui creava i suoi account su internet. Oggi il nome completo con cui firma tutte le sue opere è “Morgana Crea”. 

Una sera sono passata al suo laboratorio, che condivide con altri ragazzi nel centro di Torino. Tra una profumata nuvola di segatura -il suo coinquilino era intento a lavorare il legno- e una carezza al cane, mi parla di se e delle sue creazioni. 

Ilaria crea, instancabilmente, con determinazione e passione. All’inizio cuciva a mano ogni singola opera, oggi, dopo aver conseguito la laurea in psicologia, si è regalata una macchina industriale per cucire la pelle. 

Cucire è la sua prima passione, che crescendo artisticamente, ha sperimentato anche su altri materiali. Tant’è che quando si è trovata un giorno a dover decidere cosa fare di un mucchio di camere d’aria recuperate da un’amica al gran Balôn (famoso mercato torinese) non ha avuto dubbi. 

Le prime realizzazioni sono state delle cinture, perché la forma delle camere d’aria le ricorda, poi sono nate le borse e i gioielli, che oggi realizza con uno stile unico. 

Ilaria intaglia ogni singolo pezzo a mano, con pazienza, e il suo occhio critico e perfezionista le permette di realizzare oggetti altamente rifiniti. Così nasce il mix perfetto: un materiale semplice che diventa speciale. Perché anche il materiale grezzo, se lavorato da mani raffinate, può diventare un’opera d’arte. 

Gli oggetti che Ilaria realizza sono eco-friendly e non poteva essere diversamente visto che è cresciuta con una maestra speciale: la nonna. Pioniera dell’upcycling, le ha insegnato a guardasi attorno e a notare il potenziale delle piccole cose. 

Ilaria ha sviluppato una passione particolare verso i gioielli realizzati con materiali non convenzionali, trasformandola oggi in un’affermata stilista nel campo. 

Quindi prima di cestinare la vostra camera d’aria ormai bucata ma che vi ha accompagnato nei vostri viaggi in giro per l’Europa o semplicemente al lavoro tutti i giorni, sappiate che c’è chi sa portarla a nuova vita e renderla per voi ancora più speciale affinché possiate custodire a lungo il ricordo di quel viaggio.

Shop onlinehttps://www.etsy.com/shop/MorganaCrea?ref=pr_shop_more



Foto: https://www.facebook.com/morgana.crea1

Nessun commento:

Posta un commento

Subscribe

È un'illusione che le foto si facciano con la macchina.... si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. - Henri Cartier-Bresson -

Co-Hive

LIONS HOME

Instagram

Instagram